Fivet

 

Siamo al vostro fianco per cercare di realizzare il sogno più grande: diventare genitori. Un percorso a volte complicato che potremo fare insieme grazie all’aiuto dei nostri specialisti. Cure mirate e supporto umano sono alla base del nostro approccio.

 

Servizi

Consulenze preliminari per la sterilità di coppia

Le coppie che desiderano un bambino troveranno negli specialisti della nostra equipe le figure adatte per un consulto ed una valutazione clinica.
Nel corso di tale consulenza, si discuterà congiuntamente il percorso e le condizioni della coppia, si imposterà l’iter diagnostico e terapeutico più indicato in base alla specifica condizione della coppia e dalle opportunità offerte dalla tecnica. Si valuteranno anche le ipotesi alternative come previsto dalle norme.

Visita ginecologica con ecografia ed esami

Durante il colloquio, o in altra occasione, è possibile effettuare uno screening ginecologico di base comprendente la valutazione obiettiva del collo uterino e l’eventuale pap test, l’ecografia transvaginale per valutazione ovarica e l’eventuale ecografia in 3D per osservare la cavità uterina.

Per le coppie che lo desiderano, è possibile effettuare gli esami ematici richiesti per accedere alla procreazione assistita.

Valutazione riserva ovarica

È possibile valutare la riserva ovarica di una donna durante la fase precoce del ciclo ovarico tramite un’ecografia transvaginale e un dosaggio ormonale dei principali ormoni preposti all’ovulazione, principalmente FSH (Follicular Stimulating Hormone) ed AMH (Anti Mullerian Hormon).
L’indice di riserva ovarica può indirizzare la donna/coppia a valutare un approccio più consapevole alle tecniche più avanzate di procreazione assistita.

Procreazione medicalmente assistita

L’approccio alla procreazione medicalmente assistita è spesso caratterizzato da una certa inconsapevolezza.

La paziente si sottopone, in seguito ad accertamenti, a una stimolazione ovarica che ha lo scopo di produrre più cellule uovo rispetto alla prassi. Questa crescita multifollicolare viene monitorata per via ecografica e mediante dosaggi di estradiolo (un ormone prodotto dalla donna in risposta alla crescita dei follicoli). Quando il medico valuta la crescita ottimale, viene somministrata una gonadotropina corionica umana (hCG) che induce la maturazione finale degli ovociti. Circa 32-36 ore dopo, si procede al recupero degli ovociti (pick up), effettuato in sedazione. Tale procedura viene eseguita per via transvaginale, in modo minimamente invasivo, mediante un apposito ago che raggiunge le ovaie e aspira il contenuto dei follicoli con conseguente raccolta degli ovociti che vi sono contenuti. Nel complesso la procedura dura 10 -15 minuti circa e non necessita di ricovero.
Il liquido follicolare viene recuperato in una provetta e passato al biologo per l’identificazione dell’ovocita. In laboratorio gli ovociti vengono osservati al microscopio per valutarne la maturità; la cellula, infatti, per poter essere fecondata deve essere in un periodo di maturazione detto Metafase II.
Al contempo, viene valutato e trattato il liquido seminale maschile. In base ad alcuni parametri come il numero, la motilità e la morfologia degli spermatozoi:

  • FIVET (Fecondazione In Vitro E Transfer)
  • ICSI (Iniezione Intra Citoplasmatica dello Spermatozoo)
Monitoraggio dell'ovulazione

Il monitoraggio ecografico per valutare la crescita follicolare si avvale della ripetizione di ecografie (circa 3) a partire dal 5-7 giorno del ciclo. L’inizio della terapia e dei controlli varia a seconda del ciclo della paziente e/o dell’utilizzo di farmaci per l’induzione dell’ovulazione.
Insieme alle ecografie, viene effettuato un prelievo di sangue per il dosaggio dell’estradiolo in modo da seguire più accuratamente lo sviluppo follicolare.
Tale metodica diagnostica può, di per sé, costituire una terapia che consente di monitorare le giornate più opportune per avere rapporti sessuali: si parlerà in tal caso di MONITORAGGIO DELLA CRESCITA FOLLICOLARE PER RAPPORTI SPONTANEI.
Se la paziente è stata sottoposta ad induzione farmacologica dell’ovulazione, il monitoraggio della crescita follicolare può essere utilizzato sia per datare i rapporti spontanei che in preparazione di un’inseminazione o di una tecnica di secondo livello (FIVET, ICSI).
In tutti i casi viene somministrato un farmaco (hCG) per via intra muscolo o sottocute, per  indurre l’ovulazione.

Trattamento specialistico IUI

Nell’ambito della procreazione medicalmente assistita, parliamo di inseminazione artificiale (IUI- Intrauterine Insemination) quando il liquido seminale viene depositato all’interno della cavità uterina mediante un piccolo catetere: in questo modo la fecondazione sarà naturale e non artificiale. Il liquido seminale viene osservato e trattato in laboratorio per poter selezionare gli spermatozoi più mobili e con miglior morfologia.
L’inseminazione artificiale può essere:

  • OMOLOGA
    Quando utilizza il liquido seminale del partner
  • ETEROLOGA
    Quando utilizza il liquido seminale di un donatore
Valutazione seminologica

Il campione seminale verrà valutato in accordo con le nuove linee guida WHO (World Health Organization). Si possono effettuare i seguenti esami:

  • Spermiogramma di base
  • Test di Percoll
  • Spermiocoltura e Antibiogramma
  • Analisi Frammentazione DNA con Halo Test
  • MAR Test per valutazione agglutinazione
HYCOSY - Valutazione pervietà tubarica

Questo esame (HyCoSy- Hystero Contrast Sonography) consiste in un’ecografia effettuata con lo scopo di diagnosticare difetti strutturali dell’apparato femminile, come una stenosi (chiusura) parziale o totale delle tube.
Viene effettuato inserendo un mezzo acquoso in utero ed osservando ecograficamente il passaggio del liquido attraverso le tube. La pervietà tubarica è fondamentale per permettere il passaggio dello spermatozoo (che dalla vagina risale) e la discesa dello zigote (l’ovocita fecondato) in utero.
Questo esame viene effettuato nei giorni successivi alle mestruazioni, quando l’endometrio non è molto ispessito, in modo da avere una migliore visibilità ecografica.

Ecografia in 3D

Viene effettuata per valutare la cavità uterina nelle tre dimensioni. È un esame non invasivo che permette di escludere formazioni anomale in cavità (setti).

Isteroscopia

Se durante l’ecografia tridimensionale vengono osservate formazioni sospette, è possibile effettuare un’isteroscopia dignostica per valutare in modo più accurato la cavità uterina. Essendo un esame più invasivo, viene utilizzato previa specifica indicazione.

Video dello sviluppo da ovocita a blastocisti.

5 + 10 =

DOVE SIAMO